emiari

Messaggi di emiari

“I pensieri di Jo, lo storpio” di Laura Veroni

I Il mio nome è Jonathan, Jo, per gli amici, ma per tutti sono “lo storpio”. Colpa della mia gamba destra, dieci centimetri più corta dell’altra. No, non si è trattato di un incidente. Sono nato così, per questo mia madre non mi ha voluto, mi hanno detto. Non ho mai creduto a questa storia […]

“Le due parti della medaglia” di Massimo Messa

Il mercatino dell’antiquariato meritava una piccola esplorazione. Tra le strade di Castelleone c’era profumo di passato, c’erano collezionisti e curiosi in cerca di cimeli d’epoca. Si potevano trovare oggetti vintage, ma anche gadget moderni e originali. Una vera caccia al tesoro che raccontasse di un periodo ormai andato o di un presente di tendenza. “La […]

“Il trumò” di Alessio Piras

Trumò: s.m. – Adattamento ital. del fr. trumeau, tipo di mobile soprattutto diffuso nel sec. 18°, costituito da un cassettone con una parte superiore alta, chiusa generalm. da due sportelli, spesso a vetri o a specchi, e un piano ribaltabile a metà, all’interno del quale si trovano nicchie e cassettini. (fonte: Dizionario Treccani) Quanti e […]

“Perdono” di Maria Masella

Le bottiglie ormai vuote sono sul bancone del bar; ne prendo una e li guardo. Sono come me, impasticcati e rabbiosi. ‒ Si va? Non aspetto risposta, mi alzo. So che verranno con me. Faremo pulizia: la città è infestata di immigrati e puttane, tossici e clochard. Mi basta vederli e la rabbia mi cresce […]

“Sabato sera” di Alessandro Reali

Diego accese la sigaretta, poi lanciò il pacchetto a Leo, che stava seduto di fronte. Con la mano destra s’accarezzò la cresta, unta di gel. Col piede prese a sbattere la Nike sul pavimento in ceramica della veranda. Il bar Panama, il sabato sera, era sempre affollato. Samuele, detto Sam, il nuovo gestore, e Niki, […]

“L’ultima volta” di Mirko Giacchetti

Il filo di fumo nero contro il cielo azzurro non è un evento casuale ma un invito, una cosa del tipo: “abbiamo acceso un falò per movimentare la festa, vienici a trovare.” Da quel braccio di statale che da Casalino porta a Novara, l’oscura speranza richiama gli zombie al pascolo verso San Gaudenzio, ma attira […]

“Le note scomparse” di Massimo Tallone

Mio zio, che è un tipo bizzarro, suonava il flauto in un’orchestra. Anche il suo flauto era un tipo bizzarro, curioso come uno scoiattolo e ficcanaso come una pulce. State un po’ a sentire cosa accadde, una volta, a questo flauto. Il flauto di mio zio era molto amico dell’oboe. Una sera, poco prima che […]

“Un grido senza parole” di Roberto Mistretta

L’uomo guarda il mare. La distesa azzurra sciaborda in vortici di schiuma, il sole cala incendiando l’orizzonte. L’uomo si sofferma ad ammirare il tramonto rosato. La fitta acuta lo colpisce senza preavviso. Ricordi nitidi, crudi, sassate per l’anima. Sono trascorsi sette anni. Da quel giorno maledetto ha giurato che mai più parlerà ad essere umano. […]

“Jack” di Marvin Menini

Si era beccato cinque anni per omicidio colposo. Solita lite con la moglie, una delle tante. E poi quella frase, “sei un inetto, sei un fallito, mi fai schifo” e la spinta. Loredana aveva sbattuto la testa, uno schiocco secco come un’anguria che cade dal quarto piano. Adesso, era tutto finito. L’aria del mattino sapeva […]

“La cantina di Via San Procolo” di Roberto Carboni

La Cantina di via San Procolo sprofondava per diciassette gradini fin giù nello stomaco di Bologna. E standoci dentro, godendoti il sogno di non essere ancora nato, la sentivi vivere. Il pulsare, vecchio e saggio di una città che non c’era più, anche se si poteva ancora percepirne il respiro e i pensieri di tutti […]